.
Annunci online

annakii
this is not a love song.
29 agosto 2007
www.banksy.co.uk
if u feel dirty, insignificant and unloved then rats are a good role model.
they exist without permission, they have no respect for hierarchy of
society and they have sex fifty times a day.



permalink | inviato da annakii il 29/8/2007 alle 22:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
22 agosto 2007
il tuo medico o il tuo farmacista possono aiutarti a smettere di fumare.
ho i crampi alle orecchie, lo stomaco in bocca.
se mi annuso le dita ricordo con chiarezza la me di anni fa.
acre e infantile gusto.
da quasi 48 ore sono nervosa come non mai. lavoro male, dormo ancora peggio.
sbadigliounsacco, con gli incisivi gratto via le pellicine dalla base dell'unghia con le dita spezzo le punte spezzate dei capelli.
ho ingurgitato svogliatamente caffè tutto il giorno, e olive stasera. nell'inframezzo pompelmo e riso, a distanza di sicurezza di tempo.
piove e sono un pò innamorata. mi si scarica tutto nel corpo.
i crampi che sento gù in fondo alla pancia non è come potrei preferire, il ciclo che arriva, ma sono i miei pensieri che graffiano e urlano incazzatiabbestia.

appoggiare i palmi alle pareti del mio ventre, ascoltare da dentro la tua mano che mi accarezza.
lo sento che mi pizzichi. psicosomatismo, ecco la parola che non ricordavo l'altro giorno. non tu, ma tu nella mia testa sei una massa informe che mi pizzica e morde dentro. stanotte sei nelle orecchie, nel seno sinistro e ai lati della pancia. sei dietro il mio sterno come folle(tto), aggrappato con dita appuntite gli occhi strettistretti che ridono e parlano e amano. sei. dietro dentro me ovunque assumendo tutte le forme i gusti gli odori..



permalink | inviato da annakii il 22/8/2007 alle 22:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
17 agosto 2007
dei bambini non si sa niente.
°La stessa sensazione di quando ci si mette un dito in bocca per leccare qualcosa, ad esempio l'impasto crudo delle torte, dopo averlo tirato su ruotando il dito tutt'attorno alla ciotola.
Anche lui aveva pensato che era strano e poi che assomigliava a qualcosa che sapeva già.
Tutte le volte era la stessa cosa. La sensazione di novità, seguita da quella di stranezza, si ripeteva a ogni nuovo gesto, a ogni cosa che imparavano in quei giorni.
C'era anche confusione, come quando si sta da soli nella propria stanza dopo che qualcuno è venuto a trovarti e ha toccato tutte le tue cose, ha spostato i libri, ascoltato i tuoi dischi, si è seduto sul tuo letto, ha guardato fuori dalla tua finestra.
Nella stanza, resta l'odore di altri corpi, l'aria pesante di respiri mescolati, le tracce di altre mani.

I corpi non sono come le stanze, non restano quasi mai tracce evidenti del passaggio di qualcuno, però è la stessa cosa, anche senza lividi, o ferite, resta l'odore attaccato, il sudore mescolato, i segni dei baci, il sesso che si gonfia. E anche quando non resta niente di visibile, comunque c'è confusione. Dentro.°



permalink | inviato da annakii il 17/8/2007 alle 16:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
15 agosto 2007
elidavendetta
io sono bugiarda.

e scusatemi tanto, questo è un problema?
non credo proprio, e se percaso pensiate lo sia, un problema un disturbo, andate a farvi vedere e poi venite a fare l'amore con me.
l'orgasmo di elide,
non,
esiste.




permalink | inviato da annakii il 15/8/2007 alle 15:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
15 agosto 2007
crocerossinasull'accendino
quante paure la gente.
quanto terrore di non viversi le proprie facce.
metà delle cose scritte in questi anni di blog, sono pure stronzate. paure convinte, mutazioni. modificazioni, traduzioni.
hai paura di sentirti inferiore,e allora fai la grande. paura di essere triste, e t'arrabbi. pensi una cosa stupida,e dai la colpa a qualcun'altro.
colpa tua che mi accusi! colpa tua che non mi lasci parlare! colpa tua che ' !
mafatemilacarità.
e ora ho paura di non aver nulla da dire, e son qui a digitare parole su parole alla rinfusa, filosofeggiando nella mia testa su tutto ciò che sto apprendendo dalla mia vita con nicola.
quant'è faticoso fare fare FARE ciò che ci viene in mente, senza doverci pensare seimilavolte.
perchè potrebbe avere delle conseguenze. potrei rischiare una figura di merda.
e facciamola FACCIAMOLA questa figuradimmerda.
no oddio paura magari mi piglieranno per il culo. E SIA.
'vieni con me?' - sensi di colpa. qui in realtà mi terrorizzeresti, e allora non ti ci voglio.
mh, te lo devo ancora dire. ma l'hai già sentito tu per me.
ma non potendo venire io, sarebbe la soluzione.
alla mancanza che sento.
delle litigate dei silenzi. qui straparlo con mio fratello a vuoto. diamine, se ne accorge anche lui.
ti sei tagliato i capelli. dio erano lunghissimi e alla frutta.
manca.
si ok non hai risposto al telefono ma in effetti forse la prossima volta non chiamo alle 2 di notte.
ghehe.
amare.



permalink | inviato da annakii il 15/8/2007 alle 2:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
23 giugno 2007
jackie big tits
tre ematomi sul corpo oggi.
nutro le mie orecchie
con il cocain jazz di jamie cullum.
questi sono i momenti in cui vorrei essere da sola, pazza in mezzo alla folla.
sfigurata dalla stanchezza e dal dopo sbronza. senza mani che m'accarezzano, senza abbracci, senza dita sulla schiena, senza te a guardarmi con quegli occhi dolci..
io ti adoro ma
io son belva solitaria da sempre. non è una scusante, perchè mi dovrei prendere a schiaffi da sola altrimenti ma.   Aria.
cioè, ti voglio bene.
e quasi mi son già sfogata..

ti aspetto.



permalink | inviato da annakii il 23/6/2007 alle 20:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
20 giugno 2007
D
 

..e il mondo fuori corre sempre alla solita velocità.



permalink | inviato da annakii il 20/6/2007 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
16 giugno 2007
stanottemarestanottemare

 
ho tagliato i capelli ma la foto non ne fa giustizia.



permalink | inviato da annakii il 16/6/2007 alle 12:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
13 giugno 2007
a gratz.




pensa che..



permalink | inviato da annakii il 13/6/2007 alle 21:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
13 giugno 2007
soggetti diversi.







conosci di me solo la parte che hai distrutto.
me nuova ogni volta che mi risveglio.
me nuova nel lettone arancio sotto la finestra spalancata.
me nuova non invitata al party che hai dato per tutta la gente che abita nella tua testa.
io che riuscirò dove tu hai fallito senza nemmeno provarci.



permalink | inviato da annakii il 13/6/2007 alle 10:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
29 maggio 2007




fantasma n° 2 e 3 :   Cancellati.



permalink | inviato da il 29/5/2007 alle 13:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
28 maggio 2007



 fantasma n°1 :   Eliminato.






permalink | inviato da il 28/5/2007 alle 21:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
23 maggio 2007
ma
quella strana sensazione di ricostruzione, illusione?
dipende se è ciò che vuoi.



permalink | inviato da il 23/5/2007 alle 0:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
10 maggio 2007
ho le mestruazioni e le emozioni accentuate.
persone che son passate di qui.
che ho guardato arrivare, accarezzarmi, e poi girarsi verso il sole che sorgeva. camminare.
l'orma. sulla sabbia ancora bagnata dall'onda appena ritirata.. l'orma che sparisce.
il vento nei capelli. [li sto facendo crescere,gh.] il sale asciutto sulla pelle. la sensazione fastidiosa di essa, arida.
la brama di leccarsi le labbra gustose.
la rabbia,ora. che mi lacera le mani. la rabbia di sempre.
persone che son passate.
che han dimenticato.    persone che han perso.
io che mi svuoto sempre più. io con la bocca spalancata alla sabbia, non emetto alcun gemito.
ho perso la capacità di intrattenere discorsi ed argomentazioni di un certo tipo con Alcuni.
io convinta di esservi ancora legata da un filo di baco. macchia viola sulle labbra, macchia viola mora di gelso.
strisciando irritando l'ultimo dei miei pensieri è il rialzarsi.
scema. h? no.
devo chiudere le porte del sotterraneo. là. dove vorrei nascondere tutto ciò che di voi mi marcisce dentro.
solo due volte ho fatto l'amore.
e non l'ho più cercato.
scivola la mano morbida tra i capelli scuri. stringo tiro piango.
ed è così ogni volta che penso.

e poi invece, il mio angelo scorbutico e volgare. che non ha mai una parola buona per nessuno, lui litiga con tutti e tutti non lo possono sopportare.
che da lontano sento la sua mano appoggiarsi sopra la mia testa e sussurrarmi 'piccola..alzati.'
la seconda persona nella mia vita a cui io interesso davvero.
un fratello, il più dolce.
poche parole che sciolgono il cuore. sciolgono il sale. le lacrime gli bagnerebbero le mani,e lui fiero..
dopo la lunga attesa del mio sfogo, sorriderebbe con me.
la sagoma alta e magra controluna.

io non parlo a metafore. non ne sono capace. io non parlo per voi. per lui. per nessuno. e probabilmente nemmeno per me.
io parlo con la pelle bagnata, nell'isteria più acuta, immaginando ad occhi semichiusi la schiuma delle onde ad inghiottirmi i piedi.



permalink | inviato da il 10/5/2007 alle 19:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
28 ottobre 2006
la mia vita finisce qui.



la mia vita finisce qui.




permalink | inviato da il 28/10/2006 alle 13:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
22 ottobre 2006
lps.
 le conoscevo fin troppo bene.



permalink | inviato da il 22/10/2006 alle 16:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
12 ottobre 2006
WHAAAAAAAAAAAAA!
all'alba del nuovo giorno,la sottoscritta si ritrova vergognosa ed impaurita sotto una coperta leopardata,rannicchiata all'angolo del divano.
considerazione n° 1. quando mia madre mi beccherà saranno cazzi amari.
considerazione n° 2. cazzo ci faccio qui?per l'ennesima volta ho sviato un problema da me stessa creato..l'essere pigra e menefreghista.
considerazione n° 3. il sogno che ho fatto stanotte è stato uno dei più belli degli ultimi tempi,forse alla festa ci dovrei andare davvero.
considerazione n° 4. meglio se mi alzo e glielo vado a cumunicare io a mia madre.
e addirittura la spavento,sembravo il cugino hit camouflage.
e ha ragione. non posso riniziare come l'anno scorso.
non mi serve molto,devo solo impegnarmi ora e affrontare le cose.
e ha ragione anche lui,devo tenermi al passo e prefissarmi degli orari al pomeriggio.
(e ho ragione pure io.. son proprio deficiente che inizio solo all'ultimo anno a darmi dei limiti -.-'' )

tossisco catarro vestita di accappatoio qui davanti al pc.
penso che ieri ho fumato pochissimo, e che forse il catarro è proprio dato da questo,mmh.
vestita di accappatoio perchè ho preso una decisione:
-intanto mi faccio la 3^ doccia mattutina di tutta la mia vita. poi mi vesto di roba bella. rosso e nero per stamane.
e poi torno a spaccare un pò di culi perchè mi sto annoiando. 

la smetto di abbassare la testa e vi apro come mele tutti. perchè valgo,e se non valgo abbastanza imparerò a valere dippiù. intesi?
ah e poi vado in comune a calcolare l' ISEE della madre. e poi a  farmi pagare dal comune i libri,gneh. saran pochi ma,
sempre risparmio è.



 e poi stocazzio di carattere che no torna piccolo, gh.
ho vinto io lo stesso muhahhaha.



permalink | inviato da il 12/10/2006 alle 9:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
11 ottobre 2006
quella tipa lì riflessa allo specchio mi fa venire i conati di vomito.



permalink | inviato da il 11/10/2006 alle 18:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
7 ottobre 2006
[]
siamo obbligati ad impugnare lame e a squartarci l'anima fino a data da destinarsi.
costretti a vagare,abbracciati e sanguinanti.
ma quella volta la scelta non è stata mia.



permalink | inviato da il 7/10/2006 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
5 ottobre 2006
i fiori del male.
necessità d'appartenenza.

mi sento violentata dalle mie stesse voglie.usata e riusata dalle mie dita umide.necessità d'appartenenza,necessità dell'obbligo e dell'essere legata.sempre più convinta che lui non è ancora stato inventato,o che oppure son talmente tanti che ricerco la perfezione che son consapevole non esista.non mi metto in gioco,non rischio.se non dentro me,senza fiatare.senza emettere un suono che possa essere definito tale.con gli occhi alti invidio.le intese,gli scambi ripetuti.sempre lo stesso sapore che si ripete.quel brillare innaturale.v'invidio.
per me tutto sta perdendo valore.svogliata e demotivata dai miei stessi pensieri.
'quando come un coperchio il cielo pesa grave e basso sull'anima gemente in preda a lunghi affanni, e quando versa su noi, dell'orizzonte tutto il giro abbracciando, una luce nera e triste più delle notti; e quando si è mutata la terra in una cella umida, dove se ne va su pei muri la speranza sbattendo la sua timida ala, come un pipistrello che con la testa picchia su fradici soffitti; e quando imita la pioggia, nel mostrare le sue strisce infinite, le sbarre di una vasta prigione, e quando un popolo silente di infami ragni tende le sue reti in fondo ai cervelli nostri, a un tratto furiosamente scattano campane, lanciando verso il cielo un urlo atroce come spiriti erranti, senza patria, che si mettano a gemere ostinati. e lunghi funerali lentamente senza tamburi sfilano nè musica dentro l'anima: vinta, la speranza piange, e l'atroce angoscia sul mio cranio pianta, despota, il suo vessillo nero.'
non sto costruendo nulla non ho mia costruito nulla.
non mi sento all'altezza e sono sempre tutto ciò che non vorrei essere.
elevo all'ennesima potenza la noia.
ho sempre creduto d'essere estroversa. illusa.ed irrilevante.



permalink | inviato da il 5/10/2006 alle 0:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
16 settembre 2006
m'annoiavo..di nuovo.


-.un pò d'amor proprio.-
la donna non ha parte più sensuale della spalla e del collo.



permalink | inviato da il 16/9/2006 alle 1:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (34) | Versione per la stampa
15 settembre 2006
buhauahuhahuaaa.ha.
io sono quella cicciotta goffa e mascolina.
ecco forse perchè non ho ancora il ragazzo.
o forse perchè mi sono tenuta indietro troppo tempo.

o forse,meglio,perchè son sempre incazzata col mondo,solo perchè il mondo no s'è ancora accorto di me.oppure se n'è già scordato.

però sono simpatica,dai.



permalink | inviato da il 15/9/2006 alle 21:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
14 settembre 2006
giochiamo?


mi son resa conto che le risposte alle domande del test le potevo sapere solo io.



permalink | inviato da il 14/9/2006 alle 21:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
14 settembre 2006
mhbnm.


mi autonvinco:

                      è che non si sono ancora accorti di me.
                      c'è tempo.



permalink | inviato da il 14/9/2006 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
13 settembre 2006
il sogno di Maria.

"Nel Grembo umido, scuro del tempio,
l'ombra era fredda, gonfia d'incenso;
l'angelo scese, come ogni sera,
ad insegnarmi una nuova preghiera:
 
poi, d'improvviso, mi sciolse le mani
e le mie braccia divennero ali,
 
quando mi chiese - Conosci l'estate
io, per un giorno, per un momento,
corsi a vedere il colore del vento.
 

Volammo davvero sopra le case,
oltre i cancelli, gli orti, le strade,
poi scivolammo tra valli fiorite
dove all'ulivo si abbraccia la vite.


Scendemmo là, dove il giorno si perde
a cercarsi da solo nascosto tra il verde,
e lui parlò come quando si prega,
ed alla fine d'ogni preghiera
contava una vertebra della mia schiena.
 

(... e l' angelo disse: "Non
temere, Maria, infatti hai
trovato grazia presso il
Signore e per opera Sua
concepirai un figlio...)
 

Le ombre lunghe dei sacerdoti
costrinsero il sogno in un cerchio di voci.
Con le ali di prima pensai di scappare
ma il braccio era nudo e non seppe volare:
poi vidi l'angelo mutarsi in cometa
e i volti severi divennero pietra,
le loro braccia profili di rami,
nei gesti immobili d'un altra vita,
foglie le mani, spine le dita.
 

Voci di strada, rumori di gente,
mi rubarono al sogno per ridarmi al presente.
Sbiadì l'immagine, stinse il colore,
ma l'eco lontana di brevi parole
ripeteva d'un angelo la strana preghiera
dove forse era sogno ma sonno non era
 

- Lo chiameranno figlio di Dio -
Parole confuse nella mia mente,
svanite in un sogno, ma impresse nel ventre."
 

E la parola ormai sfinita
si sciolse in pianto,
ma la paura dalle labbra
si raccolse negli occhi
semichiusi nel gesto
d'una quiete apparente
che si consuma nell'attesa
d'uno sguardo indulgente.
 

E tu, piano, posati le dita
all'orlo della sua fronte:
i vecchi quando accarezzano
hanno il timore di far troppo forte.






...spettacolare.




permalink | inviato da il 13/9/2006 alle 11:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
11 settembre 2006
.full of butterflies inside.



fragile vita di un giorno.
fragili i petali su cui s'è posata.
chissà cos'è riuscita a fare,chissà qual'era il suo scopo.
chissà se poi ce l'hanno,uno scopo.

la tua metà esatta,da attaccare laddove sanguini.
urlo bagnata di gioia negli occhi.
posso correrti incontro la prossima volta che ti vedo?
il 'posso' mi fa tornare alla mente l'ultimo litigio sul divano.
che ridere,anche quello.



permalink | inviato da il 11/9/2006 alle 20:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
7 settembre 2006
esercito?





















l'odore di carne fresca v'ha mandato in tilt il cervello,

proprio come succede agli squali.



permalink | inviato da il 7/9/2006 alle 14:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
5 settembre 2006
missme
provoco dolore.
provo a ricordare quando ho deciso di essere così.quando ho deciso di non essere abbastanza per i miei amici.quando ho deciso di non essere capace di gestire una cazzo di vita fatta di semplici cose.quado ho deciso di essere infelice.
non sto togliendo nulla a nessuno,sto solamente parlando di me.
questa si piange addosso,mi direbbe chiunque.
invece sono incazzata a bestia.
ho cercato affetto,lo cerco tutt'ora.in qualche modo mando affanculo tutto,credo di bastarmi.
continuo a sbagliare,tutti me lo urlano addosso.e io continuo.



permalink | inviato da il 5/9/2006 alle 21:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
4 settembre 2006
le loro labbra si unirono nel timore e non nell'amore, in quel loro primo bacio.



"..<< Sai, Nicolas, a volte penso alle cose che succedono nel mondo [..] e mi viene da pensare ai dinosauri. >>
Il commissariolo guardò senza parlare. Non riusciva a capire dove volesse andare a parare.
<< Da un sacco di tempo tutti si affannano a cercare di capire il motivo della loro estinzione. Si chiedono perchè questi animali che dominavano il mondo di colpo siano scomparsi. Forse fra tutte le spiegazioni la più valida è anche la più semplice. Forse sono tutti morti perchè sono impazziti tutti quanti. Proprio come noi. Ecco cosa siamo, nient'altro che dei piccoli dinosauri. E la nostra pazzia prima o poi sarà la causa della nostra fine.>>.."



[Io uccido - G. Faletti]



permalink | inviato da il 4/9/2006 alle 1:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
31 agosto 2006
uaah.



permalink | inviato da il 31/8/2006 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 85818 volte

free music



IL CANNOCCHIALE